Italia, Patria della Famiglia

images

Ancora violenza carnale e atti di libidine! Ancora delitti contro la morale pubblica! E non contro la persona, e la libertà sessuale. Nel 1989. Assurdo!

Un’assurdità per le femministe, sia chiaro. Perché, per Rocco prima e altri poi, le distinzioni avevano un senso. Un conto è la penetrazione vera e propria. E che diamine, quella sì, puoi chiamarla stupro! Dipende poi dove. Se davanti o dietro. A stabilirlo, giudici e ausiliari vari. La distinzione era doverosa. Nel graduare, si controllavano anche vari status della violata. Se fosse vergine oppure no, prima. Se sposata oppure zitella, prima. Se minorenne, durante. O deficiente, prima, durante e dopo.

Giusto, l’impianto era costruito a baluardo di morale e buoncostume. E per difendere la Famiglia, caposaldo e palestra insieme di moralità e buoncostume, in Italia.

Famiglia dove, da che mondo è mondo, più o meno allegramente si stuprava e si incestuava. Anche se non è corretto, l’ultimo verbo si è fatto carne, in senso stretto.

Soprattutto in Italia, Patria della Famiglia.

Già. la penetrazione si poteva chiamare stupro.
Gli atti di libidine sono ben altro, vuoi mettere?

Anche se un lontano parente ti fa fare i pompini chiusa in uno sgabuzzino buio, con la testa ferma tra le mani. Anche se lo fa da anni e anni, da quando tu ne avevi 12, di anni. E anche fino a quando, dal benedetto 1975 in Italia, sei diventata finalmente maggiorenne anche tu, a 18 anni.

E quello ancora continua coi pompini.

Avrebbe continuato dopo, anche con i tuoi 21 anni, quelli necessari per diventare maggiorenne in Italia prima del benedetto 1975. Per la precisione, prima di una legge varata il giorno 8 marzo del 1975. Che bel regalo ambosesso, finalmente…

Con te che nel frattempo hai perso la voglia di diventare qualsiasi cosa. Che non mangi più nulla. Perché ogni cosa porti alla bocca ti fa pensare solo una cosa. Con te che prima dei 21 anni, non si sa com’è, per la prima volta nella vita trovi la forza di fare una cosa da sola. La prima e l’unica, perché ci sei riuscita. Con te che l’hai fatta finita.
Beh, vuoi mettere? Sì, lo stupro era un’altra cosa…

images

Estratto da Una di famiglia in Sedici 1989

 

p.s. nessuna musica per questo pezzo. ho la nausea. mac